Se il tuo business fosse….

Il gioco del “se fosse”.
Quando lavoro ad un logo o ad una consulenza di identità visiva, sfido i miei clienti a rispondere a questa domanda: “se il tuo business fosse (una persona, un oggetto, una canzone…) come sarebbe?” Questo perché il tuo business ha caratteristiche e storia che lo rendono unico! ➤ Pensare al tuo business per metafore e sensazioni ti permetterà di avere chiari elementi importanti per delineare la tua identità visiva, il tuo tono di voce e per impostare la tua comunicazione, facendoti entrare in empatia con il tuo target.

⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆⋆

SE IL MIO BUSINESS FOSSE UNA PERSONA
Se il mio biz fosse una persona sarebbe una donna forte, indipendente, molto empatica, attenta e creativa. Ha i capelli neri (molto lunghi) e gli occhi azzurri, indossa orecchini vintage, veste con lunghe gonne colorate, balla durante la luna piena e puoi riconoscerla perché ha sempre con sé un Block notes e una matita per schizzare disegni e poesie. Ha una personalità cristallina, sincera ed introversa: con poche parole riesce a darti consigli preziosi, ma non ama perdersi in chiacchiere. Crede nella liberà personale (è uno dei suoi valori profondi) e ama stare sveglia la notte seduta sul davanzale della sua camera da letto (che affaccia su un giardino con un roseto) a leggere biografie di donne ispiranti e a chiedere consigli alle sue carte di tarocchi (marsigliesi e tramandate da generazioni di matriarche della sua famiglia). Che lavoro fa? L’insegnante di yoga: unisce meditazioni a arteterapia.

Ti propongo un gioco: descrivi il tuo biz come se fosse una persona e poi va su pinterest e cerca un’immagine che la rappresenti. NB: attenta a non descrivere te stessa! Puoi avere molti punti in comune con il tuo business (anzi, è auspicabile e naturale che sia così, per essere profondamente autentica) ma non siete due fotocopie!

SE IL MIO BUSINESS FOSSE UNA CANZONE
The Voice – Celtic Woman recita così: “Listen my child, you say to me, I am the voice of your history. Be not afraid, come follow me. Answer my call and I’ll set you free”. Questa canzone, non solo parla della mia profonda connessione con la Dea e con il mio cammino spirituale, ma parla anche della mia Mission: far scoprire ai brand la propria voce, la propria estetica e rappresentarli in un logo che sia la chiave della loro essenza! Trovare la mia voce è stato un cammino lungo e complesso ma estremamente emozionante e ancora in evoluzione. Un percorso di stagione in stagione, di dolore in gioia, di difficoltà in spinta vitale. So per certo però che la Dea è sempre con me, a guidarmi. 

“I am the voice in the fields when the summer’s gone
The dance of the leaves when the autumn winds blow
Ne’er do I sleep throughout all the cold winter long
I am the force that in springtime will grow”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *